slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider
La Mignola Articoli Regolamenti Leprino di Viterbo e marchio coniglio verde: disposizioni generali
Leprino di Viterbo e marchio coniglio verde: disposizioni generali
Scritto da Tuscia viterbese   
Domenica 10 Ottobre 2010 09:43

Il presente Regolamento riporta le norme e le procedure necessarie per l’ottenimento
della licenza d'uso del marchio collettivo “Tuscia Viterbese” da parte di coloro i quali, nel territorio di provincia di Viterbo, o fuori, producono la carne di coniglio idonea ad essere attenendosi alle prescrizioni del Consorzio Coniglio Verde Leprinmo di Viterbo (d'ora in poi Consorzio) che si intendono recepite nel presente disciplinare.
Le caratteristìche della carne del Coniglio Verde Leprino di Viterbo (d'ora in poi Coniglio) sono dovute essenzialmente a due fattori:
1. l'appartenenza degli animali alla razza "Leprino di Viterbo" . appositamente selezionata per l'allevamento all'aperto.
2. le modalità di allevamento.

Il Consorzio effettua, tramite il "Centro sperimentale allevamenti cunicoli alternativi" dell'Università della Tuscia, tutti i controlli necessari sugli allevatori che conferiscono il Coniglio al laboratorio di macellazione. Modalità di allevamento L'allevamento deve essere rigorosamente all'aperto per ottimizzare le condizioni sanitarie eliminare l'inalazione di odori sgradevoli che si fissano alle carni.
Il Consorzio effettua, tramite il “Centro sperimentale allevamenti cunicoli alternativi” dell’Università della Tuscia, (d’ora in poi Centro), tutti i controlli necessari sugli allevatori che conferisc ono il Coniglio al laboratorio di macellazione.

Ultimo aggiornamento Venerdì 22 Ottobre 2010 08:37
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Commento: