slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider
La Mignola News News Cos'è il pagamento unico aziendale o regime di pagamento unico (RPU)?
Cos'è il pagamento unico aziendale o regime di pagamento unico (RPU)?
Sabato 30 Marzo 2013 17:40

Il pagamento unico aziendale è la nuova modalità di sostegno diretto al reddito degli agricoltori, introdotta dalla riforma della PAC. Esso è disciplinato dal reg. (CE) 1782/2003 del Consiglio e dai regolamenti applicativi della Commissione (CE) 795/2004 e 796/2004. A questa normativa di base si aggiunge il D.M. 1628 del 20/7/2004, il D.M. 1787 del 5/8/2004 e il DM 2026 del 24/9/2004 con i quali lo Stato italiano ha adottato le modalità di applicazione della riforma in Italia.

 Inoltre è in corso di pubblicazione una modifica al regolamento (CE) 795/2004. ·Il RPU stabilisce che ogni agricoltore benefici di un pagamento unico disaccoppiato (svincolato dalle produzioni), basato su quanto dallo stesso percepito nel triennio di riferimento 2000-2001-2002 ai sensi di almeno uno dei regimi di pagamento elencati nell’allegato VI del reg. (CE) 1782/2003. Sulle superfici per le quali gli agricoltori percepiscono il pagamento unico, essi possono svolgere qualsiasi attività agricola, fatta eccezione per le colture permanenti, le patate diverse da quelle da fecola e gli ortofrutticoli. Tuttavia, questi ultimi potrebbero essere permessi "in secondo raccolto", a partire dal 1/1/2006, se si tratta di "produzioni secondarie" e per un periodo di occupazione del terreno non superiore ai 3 mesi ( articolo 51 del regolamento orizzontale, così come modificato dal regolamento (CE) 864/2004). Il pagamento unico è condizionato al rispetto di criteri di gestione obbligatori (allegato III del reg. (CE) 1782/2003) e/o al rispetto delle buone condizioni agronomiche e ambientali (allegato IV del reg. (CE) 1782/2003). L’insieme di tali obblighi va sotto il nome di "condizionalità" ed è vigente a partire dal 1° gennaio 2005.

 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Commento: