slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider slider
La Mignola Articoli Razze cunicole Breve storia del Leprino viterbese
Breve storia del Leprino viterbese
Scritto da Tuscia viterbese   
Domenica 10 Ottobre 2010 09:39

La presenza del coniglio sul territorio viterbese è documentata' sin dal tempo degli Etruschi. A questo popolo, infatti, si deve sia la tradizione della caccia che quella culinaria legata a questo animale come è dimostrato dalle pitture della necropoli di Tarquinia.
Nel medioevo lepri e conigli selvatici sono diffusi nel viterbese ed è probabile che fossero, perfino, allevati allo stato brado, come pare che facessero i monaci dell'Isola Tiberina, sul Lago di Bolsena. Dagli anni ’50 del ‘900 si ha notizia di un macello riservato solo ai conigli, dando motivo di ritenere che la cunicoltura sì sia incrementata proprio tra gli anni '30 ed i '50. Nel 1975 il comune di Bagnata, frazione di Viterbo, istituisce la "Mostra mercato del coniglio e degli animali da cortile" che si tiene nella seconda metà di Giugno. Ma è nel 1978 che una cooperativa di cunicoltori seleziona la razza "coniglio leprino viterbese”.

Ultimo aggiornamento Lunedì 22 Novembre 2010 20:13
 

Aggiungi un commento

Il tuo nome:
Indirizzo email:
Commento: